Le vele del torneo di poker: Battle of Malta

Malta è una destinazione vacanziera da tenere sott’occhio per una sequela interminabile di motivi, per esempio il fatto che è un’isola nel bel mezzo del Mediterraneo, che è piena di siti storici, eredità della dominazione più varie, che si parla sia italiano che inglese, che è qui che si tengono alcune delle manifestazioni velistiche più celebri e che, non ultimo, è sede legale di parecchi bookmaker che operano sul continente. Questo punto è, naturalmente, dovuto al fatto che Malta è un vero e proprio paradiso fiscale. Praticamente il gioco d’azzardo non è tassato e se si trovasse per caso in vacanza sull’isola non avrebbe proprio una cattiva idea se decidesse di andare a farsi una giocata.

Ma cosa c’entra, ci si potrebbe chiedere, il poker con la vela? In assoluto forse niente, ma nel caso specifico tantissimo, perché due delle più belle manifestazioni europee di entrambi questi sport si svolgono a Malta proprio nello stesso periodo.

Da una parte c’è la celeberrima Rolex Middle Sea Race, storica regata che proprio quest’anno compie 50 anni, e dall’altra l’ineguagliabile Battle of Malta, torneo di poker No Limit Hold’em con buy-in economico, per giocatori con basso o medio capitale, che però ha come montepremi un milione di euro garantiti. Guarda caso questi due eventi epocali si svolgono entrambi ad ottobre, tra l’altro periodo perfetto per godere di una vacanza senza turisti ubriachi, spiagge sudate e caldo africano. Questa che vi sto dando è un’informazione che vale oro perché spesso chi è a conoscenza dell’una non è a conoscenza dell’altra.

La Rolex Middle Sea Race è una regata nata nel 1968 quando due yacht club dell’isola decisero che era arrivato il momento di sfidarsi per vedere chi era il migliore. Ma non una sfida qualunque, infatti si decise che la corsa si sarebbe dovuta tenere a ottobre, quando il vento d’autunno soffia forte, mica quel venticello simpatico delle sere d’estate. E così è stato fino ad oggi. Il percorso, lungo 977 km, comincia e finisce a Malta, e porta la flotta a circumnavigare la Sicilia in senso antiorario.  Il record assoluto di sempre per questa regata è di 47 ore, 55 minuti e 3 secondi.

La Battaglia di Malta invece è considerato il migliore torneo indipendente del nostro continente, anche tenendo conto della bassa soglia d’ingresso, ovvero la somma abbastanza contenuta per sedersi al tavolo. Si svolge nel grande Casinò di Malta, una sorta di tempio greco immerso nel mediterraneo su una superficie di 3.000 metri quadri e con 285 macchine slot e 140 tavoli. Il torneo prevede un satellite a buy-in ridotto il primo giorno, per poi dare il via ufficiale il giorno dopo, il 25 ottobre, per un totale di cinque giorni.

Io ho intenzione di andare e fare un reportage di entrambi gli eventi. Alla mattina si va al porto ad ammirare le barche che si preparano per la partenza, per poi vederle salpare veloci verso l’orizzonte con il fresco sole di ottobre in faccia. Poi spaghettino allo scoglio in spiaggia e riposino sotto l’ombrello. Dopodiché albergo per farsi una doccia e lasciare la famiglia nelle mani dell’animazione. La sera invece si va al casinò, e visto che non si tratta di un torneo per nababbi magari mi iscrivo pure io. Chissà che non faccio jackpot e non mi ripago la vacanza. Con un milione di euro pure due.